Maria Vittoria Backhaus

Zolla no. 2

Dedicato a Gilles Clément
È stata la zolla di Dürer, dipinta cinquecento anni fa, a ispirare questa immagine a cui ne sono seguite tante altre. Per me è stato l’avvio di una ricerca su un modo nuovo di intendere la natura ai giorni nostri: nelle aree industriali dismesse, nelle periferie invivibili, dentro e accanto alle grandi opere mai finite e ovunque l’uomo non mette più piede, questa nuova natura si insedia silenziosamente, brulicante di una vita minore e arricchita dalle innumerevoli piante “immigrate” da mondi lontani. Il giardino tradizionale, chiuso e protetto, è superato dalla forza dirompente di questa nuova energia. Questo percorso - solo cominciato - condurrà infine, dentro un mondo intelligente, al giardino planetario di cui il paesaggio - dice Clément - è solo un dettaglio.

Monferrato, 2010
40x52 cm
Pigmented fine art print
1 di 8
Zolla no. 2 - Maria Vittoria Backhaus
Base d'asta: 
2000 €